Chiesa di San Giorgio Maggiore a Napoli: la chiesa del quadro nascosto di Aniello Falcone

chiesa san giorgio maggiore napoli

Chiesa di San Giorgio Maggiore a Napoli: la famosa chiesa con al suo interno il quadro nascosto di Aniello Falcone, nel post di oggi dedicato alla cultura, a cura di Napoli Fans

Benvenuti in un viaggio attraverso i secoli, alla scoperta di uno dei tesori nascosti di Napoli: stiamo parlando della Chiesa di San Giorgio Maggiore, situata nella popolare zona di Forcella, non molto lontano da San Gregorio Armeno. Questa chiesa, oltre che essere antichissima e molto bella, cela al suo interno un segreto, venuto alla luce alcuni anni fa: si tratta di un quadro di Aniello Falcone, dietro ad un altro di Alessio d’Elia (a tema San Giorgio che uccide il drago).

In questo post  a cura di Napoli Fans andiamo a vedere insieme la storia e le caratteristiche della Chiesa di San Giorgio Maggiore, per il nostro consueto appuntamento con la cultura. Bentornati su Napoli Fans!

La Chiesa di San Giorgio Maggiore: storia e magnificenza architettonica

La Chiesa di San Giorgio Maggiore è una testimonianza vivente della ricchezza storica e culturale di Napoli. Questa è ubicata in piazzetta di S. Francesco d’Assisi o anche chiamata Crocelle ai Mannesi, a poca distanza dal Duomo di Napoli.

La sua origine è antichissima: è stata, infatti, costruita nel IV secolo e nasce come chiesa paleocristiana. Successivamente è stata intitolata a San Giorgio, eroe-martire nella guerra contro i longobardi.

Nel 1618 la chiesa fu concessa ai padri Pii Operai, mentre un incendio la distrusse qualche anno più tardi, venendo poi ristrutturata da Cosimo Fanzago.

Nella sua storia ha conosciuto numerosi lavori di ristrutturazione e rifacimento a seguito di incendi, terremoti (come quello dell’Irpinia del 1980) e bombardamenti (ultimo quello americano della Seconda Guerra Mondiale). Durante il suo regno, Ferdinando II di Borbone decise di demolire il convento adiacente e i lotti furono assegnati ad edilizia abitativa.

A seguito di alcuni lavori di ristrutturazione avvenuti negli anni ’90 venne scoperto il famoso quadro di Aniello Falcone, coperto in precedenza da un altro (a medesimo tema) di Alessio d’Elia, che raffigura proprio San Giorgio alle prese con l’uccisione di un drago. Questo quadro, oggi, è visibile grazie ad un pannello movibile, montato dietro quello di d’Elia.

Per il resto notiamo un’architettura per lo più barocca, una facciate esterna abbastanza semplice, mentre l’ingresso principale è aperto attraverso l’antica abside della basilica paleocristiana. L’altare maggiore è opera di Camillo Lionti e databile 1786. Ai lati troviamo due sculture di Angelo Viva e ritraenti Orazione e Chiesa. Inoltre, al suo interno, ritroviamo una teca con le reliquie di san Severo e un crocifisso databile XII secolo.

La zona absidale della chiesa presenta un altro crocifisso settecentesco e come detto l’opera di Alessio d’Elia, dietro la quale si cela a medesimo soggetto un’altra attribuita ad Aniello Falcone, un pittore che ha dipinto numerosi quadri e considerato un personaggio importante per l’arte partenopea nel Seicento.

foto chiesa san giorgio maggiore napoli

Info e contatti

Qui di seguito, elenchiamo i principali contatti legati alla Chiesa di Giorgio Maggiore a Napoli e alcune utili informazioni sugli orari di visita.

  • Indirizzo: Via Duomo, 237/A, Napoli
  • Orari: tutti i giorni dalle ore 8:45 alle ore 20:00
  • Telefono: 081 287932

Conclusioni

La Chiesa di San Giorgio Maggiore offre un’opportunità unica per immergersi nella Napoli artistica, scoprendo tesori spesso trascurati o addirittura coperti, come la già citata tela di Falcone. Quest’ultima ci dimostra come sia possibile, a volte, aprire una finestra su un passato affascinante e spesso, per certi versi, inaspettato.

Quando visiterete Napoli, prendetevi il tempo per esplorare questa chiesa con occhi curiosi. Oltre ai soliti capolavori, chiedete al custode di mostrarvi il dipinto di Falcone. Potrebbe rivelarsi un’esperienza che cambierà la vostra percezione della città e della sua eredità artistica.

In sintesi, la Chiesa di San Giorgio Maggiore è un altro tesoro di Napoli, che va oltre l’architettura e la liturgia. È un invito a scoprire il talento di artisti come Aniello Falcone, offrendo una prospettiva più ampia sulla storia e l’arte di questa affascinante città.

Esplorare Napoli è come aprire un libro di storie e la Chiesa di San Giorgio Maggiore è una delle sue pagine più intriganti. Un invito a scoprire, imparare e apprezzare l’eredità culturale di una città che continua a sorprendere e ispirare.

Alla prossima con gli approfondimenti dedicati alla cultura, a cura di Napoli Fans!