Napoli, dieci tappe per tornare in Champions League

vittorie-napoli-foto

La stagione del Napoli è decisamente amara e nessuno poteva ipotizzare, al netto delle partenze di due colonne dello scudetto come Spalletti e Kim, che gli azzurri avrebbero vissuto un’annata sportiva così al di sotto delle aspettative. Sarebbe stato difficile ripetersi per quanto concerne lo scudetto, ma vivere addirittura in settima posizione, nonché a -31 dall’Inter capolista, è lo specchio di una stagione per ora da dimenticare.

L’arrivo di Calzona sulla panchina azzurra, dopo le infelici scelte di Garcia prima e Mazzarri poi, sembra aver portato qualcosa di buono, anche se l’eliminazione dalla Champions League ha acuito l’amarezza dell’intero ambiente napoletano. Anche in conseguenza di ciò, dall’analisi dei migliori bookmakers del panorama italiano, facilmente individuabili nelle recensioni delle piattaforme specializzate, la risalita di Osimhen e compagni non è così scontata.

L’unica porta da oltrepassare per salvare per davvero la stagione è quella della qualificazione per la prossima Champions League, ma è una strada stretta, strettissima, dove lottano almeno in cinque per un posto, forse due…

Dando per ormai scontate le qualificazioni di Inter, Milan e Juventus, allo stato attuale resta solo un posto libero e il Napoli non è tra le favorite ad occuparlo, dovendo fare i conti sicuramente con Bologna, Roma, Atalanta e Fiorentina, ma probabilmente anche con la Lazio che non può sempre essere quella brutta ed impacciata dell’ultima fase di stagione.

La forbice si allargherebbe coinvolgendo positivamente anche il Napoli se l’Italia manterrà la leadership (o al peggio la seconda posizione) del Ranking Uefa, che garantirà la partecipazione alla Coppa principale di una quinta squadra, ma è ovvio che la sfida casalinga di sabato contro l’Atalanta è da considerare una tappa fondamentale, da affrontare al massimo.

La buona prova offerta prima della pausa per le Nazionali contro l’Inter permette all’ambiente partenopeo di essere fiducioso in vista della gara del ‘Maradona’ contro la squadra di Gasperini, la quale in trasferta peraltro non brilla come in altre stagioni. C’è poi da considerare anche il fattore Calzona, il cui approdo sulla panchina napoletana può considerare abbastanza positivo, ma se vuole restare sulla panchina del Napoli, deve dare qualcosina di più.