Aurelio Fierro: storia del cantante campano

aurelio fierro

Aurelio Fierro: storia e vita del cantante campano, nel post a cura di Napoli Fans

La musica napoletana ha avuto tantissimi interpreti di assoluto livello, che hanno contribuito a far conoscere le melodie e le canzoni partenopee in giro per il mondo. Uno dei massimi interpreti della canzone napoletana del ‘900 è sicuramente Aurelio Fierro.

Nato a Montella, in provincia di Avellino, Fierro inizia la sua carriera agli anni ’50, divenendo in poco tempo uno dei simboli della musica partenopea, grazie a capolavori assoluti, che sono passati alla storia.

In questo post a cura di Napoli Fans vediamo insieme la storia e la vita di Aurelio Fierro, per il nostro consueto appuntamento con la Musica. Bentornati sul nostro portale!

Gli inizi e il successo

Aurelio Fierro nasce a Montella, provincia di Avellino, il 13 settembre del 1923.

Il ragazzo, appartenente a una famiglia di costruttori, ha anche uno zio il quale aveva aperto, nel 1932, un cinema-teatro, che probabilmente influenza i gusti del giovane Aurelio.

Si laurea in Ingegneria negli anni ’40 ma decide di dedicarsi al mondo della canzone e del teatro. Fierro inizia così la sua carriera cantando in piccoli locali, ma la sua grande occasione arriva nel 1951, quando vince un concorso per nuove voci, organizzato dalla Rai.

Questo trampolino di lancio gli permette di farsi conoscere anche a livello nazionale.

Nel corso degli anni ’50 e ’60, partecipa numerose volte al Festival di Napoli, vincendolo in tre occasioni. Diviene anche uno dei protagonisti del Festival di Sanremo (1958, 1959, 1961, 1962, 1963 e 1964), dove si esibisce in diverse edizioni.

Le canzoni più iconiche di Aurelio Fierro

Tra le sue interpretazioni più celebri si ricordano canzoni come “Guaglione”, vincitrice del Festival di Napoli nel 1956, e “A pizza”, che diviene un classico della canzone napoletana. Raggiunge, però, la grande popolarità nel 1957 con la canzone “Lazzarella”, scritta da Domenico Modugno.

Aurelio Fierro è noto per la sua capacità di trasmettere l’emozione e la profondità dei testi delle sue canzoni, elemento che lo rende estremamente popolare, non solo in Italia ma anche all’estero.

Si esibisce svariate volte fuori dai confini nazionali: USA, Canada, Francia, sono solo alcuni dei paesi toccati durante i suoi tour in giro per il mondo.

L’impatto culturale e il cinema

Oltre alla musica, Aurelio Fierro ha anche una significativa carriera cinematografica, apparendo in vari film italiani, dove spesso interpreta ruoli che riflettono la sua identità di cantante napoletano.

Tra le pellicole più famose ricordiamo, ad esempio, Caporale di giornata, Quel tesoro di papà, Ricordati di Napoli, Lazzarella, Serenatella sciuè sciuè. Nel 1996 interpreta il padre di Iaia Forte in Luna e l’altra di Maurizio Nichetti, film candidato al Golden Globe.

Negli anni ’70 diviene anche un discografico, dirigendo l’etichetta King.

La sua presenza sui media contribuisce a far conoscere la cultura e la musica napoletana ad un pubblico più vasto, promuovendo la ricchezza e la varietà della tradizione musicale italiana, arrivando ad esibirsi addirittura in Giappone (in ben 30 città nipponiche), per la kermesse “Italy in Japan” del 2000.

Gli ultimi anni e l’eredità

Negli ultimi anni della sua vita, Aurelio Fierro continua ad esibirsi, mantenendo viva la sua passione per la musica anche all’inizio del nuovo millennio, fino alla morte, avvenuta il 11 marzo 2005, per un ictus.

Oggi è sepolto nella cappella di famiglia, presso il cimitero di Montella.

La sua eredità vive ancora oggi, attraverso le sue registrazioni e le sue canzoni, che continuano a essere un punto di riferimento per gli artisti contemporanei della musica napoletana.

Conclusioni

Aurelio Fierro non solo ha lasciato un’impronta indelebile nella musica, ma ha anche contribuito a preservare e celebrare la cultura napoletana e italiana, rendendola amata da generazioni di ascoltatori in tutto il mondo.

Il nostro post dedicato al cantante campano Aurelio Fierro, termina qui. Alla prossima con gli approfondimenti dedicati alla musica napoletana, a cura del nostro portale!